Medio-lungo terminePrevisioni

Freddo e maltempo, altra neve in arrivo sull’Appennino nei prossimi giorni

Freddo e maltempo anche nei prossimi giorni per l'arrivo di svariati impulsi freddi da nord. Altra neve in arrivo sull'Appennino, spesso anche copiosa.

L’Italia è attualmente alle prese con una vasta perturbazione atlantica pilotata da un vortice depressionario formatosi, nelle ultime ore, sulle regioni centro-settentrionali. Da quella posizione l’area di bassa pressione sta richiamando aria fredda o moderatamente fredda che dalla Porta della Porta si riversa sulla Val Padana, dando luogo a nevicate fin quasi in pianura sull’Emilia centro-occidentale e in alcune aree del Veneto. Neve ovviamente anche sull’Appennino, copiosa in quota, che andrà ad aggiungersi a quella già caduta abbondante nei giorni passati. Il fronte instabile porterà tuttavia maltempo anche su parte del Centro Sud, ove già in queste ore sono in atto delle locali precipitazioni. Entro la serata parte dell’aria fredda tenderà ad estendersi parzialmente anche alle regioni centrali, permettendo alla neve di scendere fino in collina anche sull’Appennino marchigiano. Piogge, tra la sera e la notte, anche su Sicilia, Calabria e parte del Salento, con neve sui rilievi oltre i 1000-1200 metri.

Domani, martedì 13 Febbraio, secondo impulso freddo dai Balcani, con deboli precipitazioni sparse soprattutto sul versante Adriatico centrale. Neve sull’Appennino (versante orientale) fino a quote molto basse, in generale a partire dai 200-300 metri tra Abruzzo, Marche e Molise, anche se si tratterà di fenomenologia per lo più debole, diffusa e che si andrà esaurendo nel corso delle ore serali. Maltempo che invece investirà in maniera più marcata soprattutto le estreme regioni meridionali, con piogge anche forti, locali temporali e nevicate sull’Appennino anche a quote medie, in generale comprese tuttavia tra 700-1100 metri.

snow6hz2_web_11

Nella notte tra martedì e mercoledì peggiora in Sardegna e lungo la fascia tirrenica per l’arrivo della terza perturbazione della seria. In mattinata possibili nevicate fino a quote molto basse tra Toscana, Umbria e Lazio, oltre i 900-1000 metri sulla Sardegna. In giornata il sistema perturbato si sposterà verso est/sud-est, portando nevicate anche copiose lungo tutta la dorsale appenninica centro-meridionale, come ci mostra questa mappa del modello Lamma, ove si evince come in alcune zone tra Lazio, Abruzzo e Molise si possano registrare accumuli nevosi anche importanti, fin dalle quote medie. In giornata poi tutto il maltempo si trasferirà rapidamente verso l’estremo Meridione.

ATTENZIONEa: la previsione per la giornata di mercoledì è ancora molto incerta, in quanto alcuni modelli propendono per un interessamento delle precipitazioni pressoché nullo. Quest’ultime vengono infattu viste sfilare verso sud-est rimanendo confinate in mare aperto. Approfondiremo ulteriormente l’argomento nel corso delle prossime ore.