Medio-lungo termineNewsPrevisioniPrevisioni week end

Tregua temporanea dal maltempo, ma spunta l’ipotesi ‘FREDDO INVERNALE’!

Il maltempo concede una breve tregua, ma da giovedì il tempo peggiora nuovamente. Evoluzione ancora incerta, ma prende corpo l'ipotesi di un'irruzione artica.

sinottIl vortice perturbato che ha interessato l’Italia in questi ultimi giorni, nel corso delle prossime ore si allontanerà verso i Balcani, favorendo la possibilità di residui acquazzoni  principalmente sulle estreme regioni Meridionali. A seguire rapido, fugace miglioramento delle condizioni meteorologiche.

L’anticiclone delle Azzorre, attualmente defilato con i suoi massimi pressori sull’oceano Atlantico, consentirà ad altri impulsi perturbati di ‘tuffarsi’ letteralmente nel ‘letto’ perturbato mediterraneo. Il primo di questi, come è possibile notare dalla mappa di analisi al livello del mare elaborata dall’Università di Berlino, raggiungerà le regioni Nord-Occidentali tra la sera di mercoledì 8 e le prime ore di giovedì 9 per poi isolarsi ed assumere i connotati di goccia fredda. Nel suo rapido movimento verso sud-est essa avrà il ‘merito’ di riacutizzare condizioni di maltempo su parte delle regioni Settentrionali ma, principalmente, su quelle Centro-Meridionali proprio tra giovedì 9 e venerdì 10. Rovesci e temporali interesseranno, quindi, soprattutto i settori Nord-Orientali ed il Centro-Sud, in special modo i versanti tirrenici ove i fenomeni potrebbero risultare anche intensi. Temperature nuovamente in diminuzione con possibilità di nevicate sull’Appennino al di sopra dei 1300/1500 metri.

Mappa a cura di MeteoNetwork
Mappa a cura di MeteoNetwork

Scenari ben più ‘frizzanti’ potrebbero, invece, riguardarci direttamente tra la fine della settimana ed il principio della prossima quando, secondo i modelli deterministici (cioè quelli che forniscono una sola evoluzione possibile), un più incisivo impulso perturbato alimentato da aria fredda di origine artica potrebbe farsi strada verso la nostra Penisola. Ipotesi questa che, al momento, reggerebbe piuttosto bene anche secondo i modelli probabilistici (cioè quelli che forniscono un elevato numero di evoluzioni possibili).

Mappa a cura di Centrometeo.it
Mappa a cura di Centrometeo.it

Vista la distanza temporale dall’evento è opportuno fermarsi qui, in attesa dei necessari ed opportuni aggiornamenti che non mancheremo di fornirvi.

Angelo Ruggieri