Risveglio natalizio al freddo sull’Appennino: -10,5°C Marsia, -10,2C° Valle del Salto, -9,4°C Altopiano Cinque Miglia

Nonostante la presenza di un robusto campo anticiclonico che è tornato ad occupare gran parte dell’Europa meridionale e l’area del Mediterraneo, le temperature sull’Appennino proseguono a mantenersi particolarmente basse e ciò è dovuto, come sempre, alle marcate inversioni termoche che caratterizzano questi periodi anticiclonici durante la stagione invernale.

Gran Sasso

Nello scatto della webcam soprastante possiamo osservare tutta la maestosa bellezza del Gran Sasso, ove è ancora presente molta neve. Qui la temperatura notturna è scesa di alcuni gradi al di sotto dello zero, ma ci sono alcune località ove il freddo si è fatto sentire in maniera ancor più marcata e decisa.

Su tutti spiccano i -10,5°C di Marsia, immediatamente seguiti dai -10,2°C di Valle del Salto, nell’entroterra laziale. Poi -9,4°C dell’Altopiano delle Cinque Miglia, i -8,7°C di Campo Felice, i -8,3°C di Navelli, i -8,0°C di L’Aquila, i -7,3°C di Rocca di Mezzo, i -7,1°C di Tagliacozzo e i -4,7°C di Luco dei Marsi.

Per quel che riguarda l’Appennino settentrionale segnaliamo i -5,4°C di Pavullo e i –0,3°C del Monte Falco, ove è evidente come l’inversione termica non si sia per nulla fatta sentire, non trattandosi di una stazione meteo posta in una zona favorevole. Concludiamo con l’Appennino meridionale segnalando i -2,7°C a Laceno, sull’Appennino Campano e gli 0,1°C Camigliatello Silano e i -0,3°C a Decollatura per quel che riguarda l’Appennino calabro.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti