News

Il Rifugio Vincenzo Sebastiani, un gioiello tra le montagne del Parco Sirente-Velino

Tra le montagne del Sirente-Velino sorge il Rifugio Vincenzo Sebastiani meta turistica ambita da molti escursionisti provenienti da tutta Italia e non solo

Il Rifugio Vincenzo Sebastiani è giudicato dai turisti  un vero e proprio gioiellino immerso tra le montagne dell’Appennino centrale Abruzzese.

Nella Provincia di L’Aquila, Rocca di Mezzo, e tra i Confini del Parco Regionale del Sirente-Velino, il Rifugio è meta di numerosi escursionisti che quotidianamente si recano al Sebastiani o soggiornano per poi raggiungere altre mete più o meno vicine.

Il Rifugio Sebastiani (2102 m.s.l.m) è infatti una via di transito per raggiungere più località, sia in inverno che in estate, e punto di partenza per affrontare le escursioni più impegnative come quelle che portano al Monte Velino o quelle che permettono agli escursionisti di recarsi sulle adiacenti montagne della Duchessa e alle Vette circostanti come Punta Trento, Trieste e Colle dell’Orso.

Rifugio Sebastiani
Rifugio Sebastiani, sullo sfondo il sentiero più semplice e meno impervio che parte dalla Valle del Puzzillo

Il Rifugio è di proprietà della sezione CAI di Roma, attrezzato al pernottamento durante tutto l’anno e gestito al vitto durante i mesi estivi.

Dal Rifugio è possibile ammirare la bellezza del paesaggio circostante, su tutti quello offerto dalla Piana di Pezza, la più gelida dell’Appennino che in inverno è in grado di far registrare delle temperature davvero eccezionali a causa della sua conformazione.

Per giungere al Rifugio si segnalano due sentieri, il primo è quello che inizia dalla Piana di Pezza, Rocca di Mezzo, più impervio, il secondo invece più dolce e percorribile anche in Mountain Bike da Lucoli e attraversando la Valle del Puzzillo.