News

Potenza, l’affascinante leggenda del Ponte di Annibale

Andiamo alla scoperta di uno dei luoghi più leggendari dell'Appennino meridionale, il Ponte di Annibale, a Muro Lucano. Ecco quale segreto nasconde.

Siamo andati alla scoperta di uno dei luoghi più affascinanti dell’Appennino meridionale, il Ponte di Annibale. Siamo a Muro Lucano, in provincia di Potenza, Basilicata; al confine con la Campania si erge questo piccolo e affascinante borgo che nasconde, però, un grandissimo segreto. E’, appunto, il Ponte di Annibale, situato nel “Sentiero delle Ripe e dei Mulini”, un luogo di grande interesse storico, culturale e religioso, nonchè ricco di natura. E’ chiamato sentiero dei mulini per via dei mulini ad acqua presenti sul percorso, ma se inizialmente veniva utilizzato assai spesso poi, gradualmente, è stato via via dimenticato. Solo dal 2000 circa sono state avviate le prime operazioni di recupero e oggi, a distanza di qualche anno, il FAI (Fondo Ambientale Italiano) lo ha definito un “luogo insolito”, perché contro ogni pronostico e senza alcun tipo di sostegno (sia economico, sia politico) è stato proposto come “luogo del cuore”.

Oggi è nuovamente accessibile e i turisti avranno dunque questa enorme possibilità, un luogo assolutamente da visitare se si decide di trascorrere qualche giorno di vacanza in queste aree incantate dell’Appennino meridionale. Ma perché si chiama “Ponte di Annibale”? Alcune leggende narrano che questo punto fosse stato attraversato, nell’antichità, dal generale Annibale, una sorta zona strategica che collega per un breve tratto la frazione di Capodigiano, che ospita il santuario della Madonna delle Grazie. Di qui passò anche la Regina Giovanna D’Angiò, esiliata nel Castello di Muro per opera del cugino Carlo di Durazzo. E’ poi assolutamente d’obbligo visitare la casa natale del Santo patrono della Basilicata (San Gerardo Maiella), per poi immergersi nella natura dei sentieri e dei vicoli che si affacciano sullo strapiombo delle Ripe, senza ovviamente dimenticare il Museo Archeologico Nazionale. Insomma, non ci sarà affatto da annoiarsi!