News

Abruzzo selvaggio, l’orso si ciba di un cavallo trovato al suolo. FOTO E VIDEO

L'Abruzzo selvaggio, un orso immortalato mentre protegge e si ciba di un cavallo trovato morto al suolo per via di altri predatori

All’interno dei confini del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, è stato individuato e filmato un orso bruno marsicano. Il plantigrado probabilmente proveniente dal Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise, era stato avvistato qualche tempo fa nelle aree della Val Chiarino. Sappiamo infatti che questi fantastici animali riescono in un giorno a percorrere anche centinaia di km, seppure nel complesso l’orso bruno può essere definito molto pigro.

Come riportato anche nell’articolo precedente l’animale è attualmente sotto osservazione da parte del Corpo Forestale, che né monitora ventiquattro ore su ventiquattro i movimenti.

L’orso deve aver annusato l’odore di un cavallo  morto probabilmente per cause naturali, o ucciso da altri predatori. Da allora ha fatto sua la preda, sorvegliandola e non mollandola neppure un secondo nell’arco della giornata.

Ha passato il suo tempo dormendo, anche molte ore di fila, e assumendo delle posizioni piuttosto buffe. Si è svegliato soltanto per bere e per mangiare la sua preda.

Emanuele Valeri e Gianpiero Cutolo, fotografi uno della cronaca Romana e l’altro appassionato e specializzato nella fotografia degli animali, dopo una lunga camminata sono riusciti a giungere sul posto per documentare il momento grazie all’autorizzazione del Corpo Dei Carabinieri Forestali e mantenendosi  alla distanza di circa 1 km.

Con potenti mezzi Valeri e Cutolo sono riusciti ad immortalare dei momenti di natura vera e selvaggia.

Di seguito le immagini scattate da Gianpiero Cutolo mostrano quattro fasi molto importanti dell’avvenimento.

Ci teniamo a specificare che l’orso non ha ucciso la preda, ma l’ha trovata al suolo e richiamato dal suo odore si è recato nel posto facendola sua e difendendola da altri predatori. Ricordiamo inoltre che l’orso bruno marsicano è onnivoro, non particolarmente amante della carne ma all’occorrenza mangia anche quella.

Nelle quattro fasi successive vedremo i momenti i cui il plantigrado dorme a pancia all’aria, per poi essere svegliato dall’avvicinarsi di gracchi e di grifoni che hanno tentato in tutti i modi di banchettare insieme a lui e rubargli la preda. Nella terza fase si noterà come l’animale, seppure apparentemente non affamato, si avvicinerà nuovamente alla preda mangiandola, per poi in una quarta fase scavarsi un giaciglio proprio vicino al cavallo per tenerlo meglio sotto controllo.

1) L'orso dorme a poche decine di metri dal cavallo, in maniera tale da riuscire a tenerlo sotto controllo nel caso in cui dovessero avvicinarsi altri predatori. In foto la posizione buffa assunta dal plantigrado a pancia all'aria. Foto di Gianpiero Cutolo
1) L’orso dorme a poche decine di metri dal cavallo, in maniera tale da riuscire a tenerlo sotto controllo nel caso in cui dovessero avvicinarsi altri predatori. In foto la posizione buffa assunta dal plantigrado a pancia all’aria. Foto di Gianpiero Cutolo
2) L'orso viene disturbato nel sonno dall'avvento dei gracchi e di ben trentaquattro grifoni che si avvicinano minacciosamente al cavallo, causando il risveglio dell'orso che si avvicinerà minacciosamente alla sua preda. Foto di Gianpiero Cutolo
2) L’orso viene disturbato nel sonno dall’avvento dei gracchi e di ben trentaquattro grifoni che si avvicinano minacciosamente al cavallo, causando il risveglio dell’orso che si avvicinerà minacciosamente alla sua preda.
Foto di Gianpiero Cutolo
3) Seppure non troppo affamato l'orso incomincerà nuovamente a mangiare il cavallo, scacciando i gracchi che pian piano hanno tentato di avvicinarsi alla sua preda. Foto di Gianpiero Cutolo
3) Seppure non troppo affamato l’orso incomincerà nuovamente a mangiare il cavallo, scacciando i gracchi che pian piano hanno tentato di avvicinarsi alla sua preda.
Foto di Gianpiero Cutolo
4) L'orso non più affamato dopo aver banchettato scaverà un giaciglio proprio nei pressi della sua preda, in modo tale da poterla tenere sotto controllo nel migliore dei modi. Foto di Gianpiero Cutolo
4) L’orso non più affamato dopo aver banchettato scaverà un giaciglio proprio nei pressi della sua preda, in modo tale da poterla tenere sotto controllo nel migliore dei modi.
Foto di Gianpiero Cutolo

Di seguito invece uno spezzone di video girato da Emanuele Valeri.