News

Orso investito in Abruzzo: prima ferito da un colpo di arma da fuoco

Dall'autopsia è emerso che l'orso qualche mese prima di essere investito era stato vittima di un colpo di arma da fuoco

Nei giorni scorsi avevamo riportato la notizia di un Orso investito, nei pressi del Parco nazionale della Majella da un mezzo pesante.

In realtà l’autopsia sembra abbia confermato che l’animale, qualche mese prima, sia stato vittima di un colpo da arma da fuoco complice di avergli causato una grave zoppia.

Almeno è questo che ha rivelato l’autopsia svolta nell’istituto zooprofilattico di Teramo.

La Radiografia sul giovane esemplare di orso marsicano ha portato a scoprire una frattura di tipo scomposta, che gli aveva provocato un callo osseo non attribuibile all’incidente stradale avvenuto il sulla statale 17 di Roccaraso.

mori

E’ stato lo stesso esame necroscopico a confermare che la ferita fosse stata causata da un colpo di proiettile indirizzato proprio all’arto sinistro dell’animale. L’intento di chi ha sparato il colpo era probabilmente quello di centrare l’animale in petto, quindi, ucciderlo.

Dopo l’incidente con il mezzo pesante, l’orso in grave difficoltà era stato portato nell’ambulatorio veterinario dell’area faunistica di Palena (Chieti), per cercare di salvarlo.

Tutti i tentativi di rianimazione dell’animale si sono rivelati vani, in quanto numerose erano le emorragie interne procurate dal violento impatto con il mezzo pesante.

Il direttore del parco della Majella, Oremo Di Nino ha inoltre affermato che: “ Le prove diagnostiche, indicano che si è trattato di un animale in grave difficoltà, che zoppicava e si era approviggionato in maniera insufficiente rispetto alle esigenze del momento e all’imminente periodo invernale. Lo stesso problema di zoppia, probabilmente gli ha impedito di sottrarsi efficacemente anche all’impatto con l’automezzo che lo ha ucciso”.

Intanto continuano le indagini da parte della Forestale dell’Aquila, per cercare di risalire all’automobilista che ha travolto l’orso e non ha prestato soccorso.