News

Maestri di Sci: “Bimbi e over 60 in pista come Atleti di interesse Nazionale, noi buttati fuori”

Sci monta la polemica dei Maestri contro gli Atleti di Interesse Nazionale: " Bimbi e Over 60 in pista come Atleti, noi buttati fuori dalle piste non possiamo neanche allenarci"

Nel fine settimana è tornata montare la polemica sullo sci e soprattutto dei maestri di Sci.

Tutto è cominciato a causa di un video condiviso dal Corriere della Sera che mostrava un grande afflusso di persone sulle piste della Campo Felice Spa, che nelle ore successive sia la Regione Abruzzo che i vari organi competenti dello sci hanno giustificato sostenendo si trattasse di una competizione tra atleti di interesse nazionale.

Il video condiviso dal Corriere della Sera ma anche dalla Stampa, Repubblica il Sole 24 ore, ANSA e un po’ tutti i quotidiani nazionali, circa a metà video mostravano delle immagini che hanno fatto discutere con, probabilmente, un allenatore che scendeva dalla pista e al suo seguito circa quattro bimbi con lo spazzaneve.

Proprio questo argomento è tornato a far discutere e a suscitare una polemica da parte dei maestri di Sci, che invece in seguito agli ultimi DPCM si trovano costretti non solo a non poter esercitare la propria professione ma anche a non potersi allenare.

Fabiola Bartolucci maestra di Sci della Ovindoli Monte Magnola è stata intervistata ieri da ANSA, mettendo in risalto alcune problematiche di non poco conto, lei che è stata una tra le promotrici della protesta a livello nazionale di maestri di sci per questa situazione.

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO

La Bartolucci ha spiegato come in questi giorni si parla di grandi afflussi sulle piste di sci Italiane che per la maggior parte dei casi sono da attribuire agli Sci Club e ai loro ragazzi, che sono considerati, appunto, Atleti di Interesse Nazionale.

A questo punto sorgono dei dubbi, quelli che hanno un po’ tutti, e inerenti al fatto su chi siano e che percorso abbiano compiuto questi atleti per assumere la denominazione di atleta nazionale.

Continua quindi la Bartolucci rispondendo alla domanda, spiegando che intorno alla fine del mese di dicembre 2020 c’è stato un protocollo di intesa tra la FISI e il Governo che ha fatto aprire gli impianti soltanto per gli allenamenti degli “Atleti di Interesse Nazionale”.

Chi sono questi Atleti? Fabiola e altri maestri di sci sostengono si tratti prevalentemente di bambini che vanno dai 7 ai 10 anni o di master che possono avere 60/70 anni e fanno gare amatoriali.

“A mio avviso non sono atleti e fosse stato un discorso inerente a dei veri atleti di interesse nazionale si sarebbe trattato du Gruppi Sportivi, Gruppi Militari,o di squadre di Comitato, e in questo caso vediamo che basta effettuare una tessera FISI a degli Sci Club e poi praticare lo sci come fossero le lezioni normali fatte da maestri di Sci.

Perchè – spiega sempre Bartolucci – gli allenatori che sarebbero le figure autorizzate ad allenare gli sci club, sono comunque autorizzati all’esercizio della Professione in quanto iscritti all’Albo Nazionale. Noi maestri di Sci siamo tutti quanti iscritti ad un albo regionale regolamentato da una legge regionale e da una legge quadro nazionale, la professione del Maestro di Sci doveva essere difesa almeno per l’accesso alla pista.

Noi Maestri di Sci non possiamo insegnare e nemmeno sciare, dunque non possiamo tutelare il nostro diritto e dovere di allenarci. Siamo stati tagliati fuori e il prossimo anno avremo subito un gap enorme dai nostri colleghi allenatori perchè non siamo presenti e non stiamo esercitando la nostra attività.

Siamo etichettati come maestri di Serie B. Come facciamo a recuperare una dignità professionale?

Sicuramente aspetti che meritano di essere approfonditi.