News

Il Gargano spazzato dalla tramontana: raffiche fino a 150 all’ora

Sul Gargano raffiche di vento di tramontana fino a 150 Km/h, diversi i danni registrati

A Monte Sant’Angelo, nel Gargano, il vento forte di burrasca sta determinando pericoli alla circolazione veicolare e pedonale a causa della caduta di alberi e tegole con notevoli intralci e gravi difficoltà all’erogazione dei servizi pubblici essenziali.

Alle 12 è stato costituito il COC – Centro Operativo Comunale presieduto dal Sindaco con i Responsabili dei settori e l’Associazione di Protezione Civile UGR27. La squadra comunale di manutenzione del verde pubblico da questa mattina è operativa nel liberare le strade e le situazioni di pericolo create dagli alberi divelti; nel pomeriggio si è aggiunta anche una squadra dell’ARIF. Il Sindaco, Pierpaolo d’Arienzo, ha emesso le ordinanze di chiusura per il pomeriggio e per la giornata di domani giovedì 6 delle scuole di ogni ordine e grado, del cimitero capoluogo e di quello della frazione Macchia, degli impianti sportivi. Nel primo pomeriggio l’Amministrazione ha preso parte al vertice in Prefettura con il Prefetto, le forze dell’ordine, Vigili del fuoco, ANAS, Provincia e i rappresentanti dei Comuni più colpiti del Gargano, cioè Monte Sant’Angelo e Manfredonia. L’ANAS ha comunicato che la SS89-dir (Mattinata-Monte Sant’Angelo) resterà chiusa.

“Credo che la conta dei danni sarà importante” – commenta il Sindaco di Monte Sant’Angelo, Pierpaolo d’Arienzo, al termine della riunione del COC tenutasi nel pomeriggio – “Tegole, alberi, cornicioni, pali dell’illuminazione, segnaletica sono stati completamente divelti dal vento forte che non accenna a placarsi; infatti, è arrivato il nuovo messaggio di allerta dalla Protezione civile regionale valido dalle ore 9 del 6 febbraio e per le successive 15 ore. Restano attive le squadre comunali, l’ARIF, le imprese private per il taglio degli alberi, l’UGR27, i Carabinieri e la Polizia Locale, che ringrazio. Il consiglio è di muoversi e uscire di casa solo se strettamente necessario”.