News

Dispersi Velino: vento e rischio valanghe fermano le ricerche

Dispersi Velino: le abbondanti nevicate che si sono accumulate rendono necessaria un’attenta attività di bonifica per liberare le creste dalla neve accumulata

Dispersi Velino: le forti raffiche di vento che continuano ad imperversare in quota e l’alto rischio valanghe fermano anche oggi le ricerche dei quattro escursionisti dispersi sul Monte Velino.

Dispersi Velino
Dispersi Velino: vento e rischio valanghe fermano le ricerche. Foto del Cnsas

Le squadre del Soccorso Alpino, della Guardia di Finanza, dei Carabinieri, della Polizia, dei Vigili del Fuoco e dell’Esercito che sono rimaste a terra stanno continuando a lavorare, analizzando Meteomont per valutare il pericolo valanghe e capire come e quando ripartire con le ricerche in sicurezza.

Le abbondanti nevicate che si sono accumulate rendono necessaria un’attenta attività di bonifica per liberare le creste dalla neve accumulata, anche attraverso l’impiego di piccole cariche esplosive. Operazione già effettuata tre settimane fa.

Appena le condizioni climatiche e l’ambiente delle ricerche sarà reso sicuro, si tornerà ad utilizzare il georadar, messo gratuitamente a disposizione da un’azienda di Milano, per scandagliare e analizzare cosa si cela sotto l’alto strato di neve accumulata. L’obiettivo è sfruttare al meglio tutte le potenzialità dell’innovativo strumento che utilizza una tecnologia di ultima generazione per analizzare profondità importanti. Utilizzato per i fondali marini, è la prima volta che viene impiegato in occasione di una valanga.

Non è tramontata l’ipotesi del gatto delle nevi per agevolare l’azione dei soccorritori che stanno tentando il recupero dei quattro escursionisti avezzanesi di cui si sono perse le tracce lo scorso 24 gennaio. Nel tavolo tecnico di qualche giorno fa, al campo base di Forme di Massa d’Albe, punto nevralgico delle operazioni di soccorso, si è discusso sulla possibilità di richiedere l’intervento del gatto delle nevi per cui la Regione Abruzzo aveva dato l’ok allo studio di fattibilità di tutto il progetto.