News

Coronavirus, i Maestri di Sci Abruzzo donano 25mila euro alla Protezione Civile

Abruzzo cuore d'oro: i Maestri di sci Abruzzo donano 25mila euro alla Protezione Civile per fronteggiare l'emergenza legata al Coronavirus

Coronavirus, Maestri di sci Abruzzo domano 25mila euro

Emergenza Coronavirus, ancora una volta l’Abruzzo dimostra tutto il suo cuore grande e difronte a questa epidemia che sembra non voler conceder tregua fa un gesto davvero importante, ma soprattutto molto toccante. I Maestri di Sci Abruzzo hanno infatti deciso di donare la somma pari a 25mila alla Protezione Civile, mantenendosi altresì a disposizione per attività di supporto e collaborazione. Riportiamo nelle successive righe il comunicato diramato nella giornata odierna:

Il grande cuore della montagna abruzzese batte ancora più forte durante l’emergenza Covid-19. Per questo i maestri di sci hanno deciso di scendere in pista nella gara di solidarietà a sostegno della lotta al Coronavirus. Le associazioni che rappresentano i maestri e le scuole di sci abruzzesi (Collegio regionale, FisiCab e Asams) hanno così stabilito di donare 25mila euro alla Protezione civile della Regione.

Con questa donazione vogliamo dare un supporto concreto alle iniziative per fronteggiare l’emergenza sanitaria in corso – hanno spiegato in una dichiarazione congiunta Francesco Di Donato, Angelo Ciminelli e Nino Buono, presidenti del Collegio regionale dei maestri di sci, del Comitato abruzzese Fisi e dell’Associazione scuole abruzzesi maestri di sci (Asams)la nostra decisione è un segno di ringraziamento, prima che di sostegno, per l’eccezionale lavoro che stanno svolgendo i nostri medici, gli operatori sanitari, le forze dell’ordine e il personale della Protezione civile  nell’affrontare questa grave emergenza sanitaria. I maestri di sci abruzzesi ci sono anche in questo momento difficile – concludono – siamo oltre 700 e siamo in prima linea nella solidarietà concreta e a disposizione della Protezione civile per qualsiasi attività di supporto e collaborazione”.

Coronavirus