News

Castelluccio di Norcia, in migliaia per la fioritura ma caos per la viabilità

La fioritura di Castelluccio di Norcia ha raggiunto il suo massimo fulgore, ma è caos per la viabilità a causa dei danni ancora non riparati del sisma del 2016

A Castelluccio di Norcia sono esplosi i colori della fioritura della lenticchia, che ogni anno attirano centinaia di migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo.

Tuttavia nonostante le aree di parcheggio instaurate dal Comune, nello scorso fine settimana si sono registrati moltissimi disagi a causa del traffico e delle lunghissime code che sono venute a crearsi.

Questo è avvenuto, in particolare, a causa dei danni ancora non del tutto ripristinati, causati dal sisma del 2016 che vede ad esempio un cantiere sul versante di Norcia messo li dal 2016 e che ad oggi non ancora concluso ha creato Km e Km di coda scoraggiando centinaia di turisti. Disagi sempre causati dal traffico anche sul versante di Castel Santangelo sul Nera, seppure la strada provinciale è stata riaperta nella giornata di sabato.

Ad aggiungersi a tutto questo è stata l’aggravanti dovuta al senso unico alternato della strada provinciale di Castelluccio ancora a Senso unico alternato. Il nodo cruciale è da attribuire ad un semaforo presente tra il bivio per Castelluccio di Norcia e Ascoli Piceno.

Questi motivi sono stati argomento di notevoli polemiche specie da parte di alcuni consiglieri regionali che hanno definito la situazione paradossale, dato che oltre ai gravi danni causati dal sisma e ancora non del tutto ripristinati si è aggiunto anche un inverno di improduttività dovuto al COVID. Per questo si ritiene che la fioritura e il turismo ad essa associato dovrebbero essere agevolati senza costringere i turisti a tornare indietro.

Castelluccio di Norcia
Castelluccio di Norcia – Foto Francesco Riti 

Spostandoci dal lato fioritura si evince come in questi giorni si è arrivati al culmine, con i colori esplosivi e al massimo del loro fulgore pronti a regalare spettacolo anche nel prossimo fine settimana.