News

Campo Felice – Rifugio Sebastiani nella nuova guida della 50 ciaspolate più belle d’Abruzzo

Campo Felice- Rifugio Sebastiani negli itinerari delle 50 ciaspolate più belle d'Abruzzo

Nel capitolo inerente al massiccio del Velino nel nuovo libro di Stefano Ardito e Angelo Monti: Le 50 ciaspolate più belle d’Abruzzo è presente anche l’itinerario che da Campo Felice sale verso il Rifugio Vincenzo Sebastiani.

Proprio i due autori descrivono così questa bellissima ed intrigante escursione invernale.

Due tra gli itinerari più classici dell’Appennino abruzzese conducono al rifugio Vincenzo Sebastiani, spartano e accogliente punto d’appoggio inaugurato nel 1922 dalla Sezione di Roma del CAI nel cuore del massiccio del Velino, ai piedi delle cime del Costone e all’inizio di un magnifico sentiero che conduce alla vetta più alta del massiccio. In estate l’itinerario più bello inizia dal Piano di Pezza, e si svolge in buona parte per ombrose faggete.
D’inverno, quando la strada di Pezza è chiusa, l’unico itinerario possibile è quello che inizia da Campo Felice, accanto alle piste da fondo, e poi risale la severa conca carsica del Puzzillo. La comodità di accesso, la pendenza contenuta e la mancanza di pericoli oggettivi fanno sì che questo percorso sia molto frequentato con la neve. Oltre che con le ciaspole o a piedi, viene spesso percorso da scialpinisti, e da chi pratica il fondo-escursionismo. In tutte le stagioni, molti escursionisti proseguono dal rifugio verso la cima orientale del Costone, balcone verso l’alta Valle di Teve e il Velino. D’inverno questa breve salita, che si svolge su terreno ripido, richiede spesso l’uso dei ramponi. Negli ultimi anni, grazie alla professionalità e all’entusiasmo di Eleonora Saggioro e dei suoi colleghi nella gestione, il Sebastiani accoglie in estate concerti e incontri culturali. Il rifugio, oltre che dalla tarda primavera a fine estate, viene aperto anche in molti weekend invernali. Con la montagna innevata e la chiusura della strada sterrata l’itinerario estivo si allunga, i segnavia sulle pietre scompaiono, e in caso di maltempo la conca del Puzzillo può porre seri problemi di orientamento. Per questo motivo, nei weekend di apertura invernale, si può salire da Campo Felice al rifugio, a piedi o con le ciaspole, insieme ad accompagnatori di media montagna professionisti

In allegato le foto di Eleonora Saggioro,

saggio3
Foto di Eleonora Saggioro
saggio2
Foto di Eleonora Saggioro