News

L’Aquila, nel silenzio di Piazza Duomo in memoria delle vittime del terremoto

A L'Aquila un fascio di luce luminosa nel silenzio più assoluto di Piazza Duomo in ricordo delle vittime del terremoto

L’emergenza coronavirus non è terminata e anzi combacia con una delle date storiche che per sempre condizionerà la città di l’Aquila. Solitamente e nel corso degli anni, il 6 aprile è stato sempre celebrato con una fiaccolata e una messa accompagnata da tutti i nomi delle vittime di quel terribile terremoto.

Questa volta non è stato possibile svolgere la solita prassi a causa dell’emergenza Coronavirus che ci costringe a stare tutti a casa.

Grazie alla collaborazione di alcune persone, tra le quali Francesco Colantoni, Stefano Ianni, Flavia Massimo, Mauro Pagliai, Wolfango de Amicis e Agorà srl  è stato possibile dare vita a un fascio di luce che nel silenzio di Piazza Duomo veniva proiettato nei cieli della Città.

Il Sindaco Pierluigi Biondi ha commentato l’accaduto attraverso il suo profilo Facebook:

“Questa notte è diversa. È la notte in cui, attraverso il nostro dolore, lungo 11 anni, vogliamo dare speranza all’Italia che soffre.

Via XX Settembre, Casa dello Studente, Piazzale Paoli, via D’Annunzio, Convitto, sono illuminate di rosso, a ricordo delle nostre perdite. In piazza Duomo, dove per 10 anni siamo giunti con le nostre fiaccole, si alza verso il cielo una potente luce azzurra.

Accendete le vostre finestre. Le nostre emergenze si diano la mano. Insieme, ce la facciamo.

Foto di Mauro Pagliai

Grazie a tutti coloro che hanno raccolto l’invito del Comune dell’Aquila e che hanno reso possibile tutto questo

Francesco Colantoni
Stefano Ianni
Flavia Massimo
Mauro Pagliai

Wolfango de Amicis e Agorà srl

Grazie per la collaborazione a Prefettura e Questura della provincia dell’Aquila e Gran Sasso Science Institute.

E allo straordinario impegno dell’Unità di crisi del Comune.”

L'Aquila - un fascio di luce da Piazza Duomo verso i cieli della città in ricordo delle vittime di terremoto
L’Aquila – un fascio di luce da Piazza Duomo verso i cieli della città in ricordo delle vittime di terremoto. Foto di Mauro Pagliai