Condizione Neve

Forte pericolo valanghe su Umbria, Marche, Abruzzo e Molise , il bollettino METEOMONT

Pericolo valanghe molto forte su Marche, Abruzzo e Molise, ecco il bollettino Meteomont

Il servizio METEOMONT ha emesso il bollettino valanghe valido per la giornata di venerdì 20 gennaio:

APPENNINO SETTENTRIONALE

aiuto

MANTO NEVOSO – Soffici lastroni di neve ventata su preesistenti croste da vento. Il manto nevoso è debolmente consolidato sulla maggioranza dei pendii. Alle quote medie, il graduale innalzamento termico favorisce i processi di trasformazione e consolidamento del manto nevoso. Tuttavia, i processi di metamorfismo distruttivo, nei pendii ripidi, potranno favorire distacchi spontanei di neve a debole coesione, sia di superficie che di fondo, di medie/grandi dimensioni. Alle quote più alte i venti, provenienti dai quadranti Nord Orientali, continuano a rimaneggire il manto nevoso andando ulteriormente a caricare le consuete zone di accumulo. Il Distacco di lastroni pertanto nei pendii occidentali e meridionali sarà possibile già con debole sovraccarico. Nei pendii ripidi e molto ripidi e soprattutto nei percorsi abituali saranno probabili distacchi spontanei anche di medie/grandi dimensioni.

APPENNINO MARCHIGIANO E MONTI SIBILLINI

aiuto2

MANTO NEVOSO – Soffici lastroni di neve ventata su preesistenti croste da vento. Il manto nevoso è debolmente consolidato sulla maggioranza dei pendii. Alle quote medie, il graduale innalzamento termico favorisce i processi di trasformazione e consolidamento del manto nevoso. Tuttavia, i processi di metamorfismo distruttivo, nei pendii ripidi, potranno favorire distacchi spontanei di neve a debole coesione, sia di superficie che di fondo, di medie/grandi dimensioni. Alle quote più alte i venti, provenienti dai quadranti Nord Orientali, continuano a rimaneggire il manto nevoso andando ulteriormente a caricare le consuete zone di accumulo. Il Distacco di lastroni pertanto nei pendii occidentali e meridionali sarà possibile già con debole sovraccarico. Nei pendii ripidi e molto ripidi e soprattutto nei percorsi abituali saranno probabili distacchi spontanei anche di medie/grandi dimensioni.

APPENNINO ABRUZZESE E GRANDI MASSICCI APPENNINICI

aiuto3

VALANGHE OSSERVATE – Singole grandi valanghe spontanee di neve umida bagnata a debole coesione e a lastroni di superficie.

MANTO NEVOSO – Strati di neve fresca asciutta a debole coesione su strati debolmente consolidati. Il manto nevoso è debolmente consolidato e per lo più instabile su tutti i pendii ripidi. Prestare particolare attenzione alle zone di accumuli.

APPENNINO CALABRO-LUCANO

aiuto4

MANTO NEVOSO – Strati di neve umida-bagnata a debole coesione su strati moderatamente consolidati. Il manto nevoso è in generale moderatamente consolidato su tutti i pendii ripidi.